Questa adolescente è stata espulsa a causa del suo aspetto

Share

Un giorno come tanti

Credits

Tony Alarcon rimase sorpreso quando ricevette una telefonata dal preside della scuola di sua figlia. Quando comprese la ragione della telefonata, non riusciva a credere alle sue orecchie. Doveva fare qualcosa.

Quel giorno, quando Tony Alarcon lasciò a scuola sua figlia Demetra, c’erano circa 40 gradi. La ragazza scelse di indossare un vestito più adatto al clima caldo.

Nessuna politica di divisa scolastica

Credits

La scuola media Raymond J. Fisher è una scuola media che non ha un requisito specifico di uniforme scolastica. Agli studenti è consentito indossare abiti di uso quotidiano. Tuttavia, hanno alcune regole per quanto riguarda ciò che è permesso loro di indossare e ciò che non lo è.

Ha avuto una reazione eccessiva?

Credits

Demetra si sentiva così in imbarazzo quel giorno in cui venne additata in classe. Non era la prima ragazza ad essere rimproverata davanti alla classe, ma era comunque mortificante. Non riusciva a capire il motivo di tutto quel trambusto.

L’abito inappropriato

Credits

Non aveva idea che indossare quella tutina blu l’avrebbe messa nei guai. Non c’era niente di sbagliato nel suo abbigliamento per quanto la riguardava. Suo padre l’aveva accompagnata quella mattina e neppure lui aveva notato nulla di strano.

L’inizio di un enorme scontro

Credits

Tutto quello che Demetra aveva fatto era scegliere un vestito che fosse comodo e che la tenesse al fresco in una giornata calda e soffocante in California. Non si sarebbe mai aspettata che la sua scelta avrebbe portato a uno scontro suo padre e la scuola.

Perché tutto questo trambusto?

Credits

La scelta dell’abbigliamento di Demetra è diventato argomento di conversazione da un giorno all’altro. E ben presto i media si sono fatti coinvolgere; c’è stata anche una protesta pubblica. In che modo il suo abbigliamento era diverso da quello che le altre ragazze della sua età indossavano a scuola?

Un risultato imprevisto

Credits

Demetra non si aspettava che il suo abbigliamento avrebbe avuto tutto questo successo. Ma era anche peggio di quello che si aspettava. Chi può biasimarla per aver indossato una tutina comoda in una giornata così calda a Los Gatos?

Umiliazioni inutili

Credits

In quella calda giornata, l’insegnante decise di chiamare Demetra davanti a tutta la classe. Fu lui a far notare che il suo pagliaccetto non era adatto alla scuola.

Il preside viene coinvolto

Credits

L’insegnante decise che doveva andare nell’ufficio del preside. Dopo aver dato un’occhiata a Demetra, il preside chiamò suo padre e gli spiegò che c’era stata una situazione che coinvolgeva sua figlia. Una chiamata di cui poi si sarebbe pentito.

Bisognava fare una scelta

Credits

Il preside ha spiegato a Tony che l’abbigliamento di Demetra era inappropriato e che doveva fare una scelta. Poteva portarle un cambio di vestiti o andarla a prendere a scuola immediatamente. Era scioccato di ricevere questa chiamata.

Procedendo per gradi

Credits

Così Tony ha deciso di portare a Demetra un cambio d’abito. Ha frugato nei suoi cassetti e ha trovato quello che riteneva appropriato. Si trattava di un paio di pantaloncini di jeans e una canottiera a tinta unita.

La battaglia non è finita

Credits

Una volta cambiata, Demetra tornò nell’ufficio dove suo padre e il direttore la stavano aspettando, ma il direttore dichiarò che il nuovo vestito era ancora inadeguato. A questo punto, Tony era piuttosto agitato.

Qual era esattamente il problema?

Credits

Tony era furioso e ha chiesto all’amministratore della scuola di spiegare quale fosse il problema del nuovo vestito. Fece persino piegare Demetra per mostrare loro come i suoi pantaloncini la coprissero adeguatamente. Doveva andare fino in fondo.

Proteggere la figlia a tutti i costi

Credits

Sapeva che c’era qualcosa di più di quello che gli dicevano. Non si sarebbe fermato finché non gli avessero detto la verità e non gli avessero spiegato perché avevano puntato Demetra. Tony aveva i suoi sospetti, ma pensava che non fosse possibile.

Una risposta di cui non era soddisfatto

Credits

La spiegazione è stata che la violazione del codice di abbigliamento era più una questione di lunghezza che di pudicizia. Il direttore ha inoltre spiegato che la tutina e i pantaloncini di jeans che Demetra indossava non hanno superato il loro “test della punta delle dita”. Ma Tony intuì che non era il vero motivo.

Sempre più arrabbiato

Credits

Tony si stava davvero arrabbiando, soprattutto dopo aver sentito la storia del “test della punta delle dita”. Aveva visto altri studenti della classe di Demetra indossare abiti simili a quelli indossati dalla figlia quando l’aveva accompagnata a scuola quella mattina. Perché era l’unica ad essere stata umiliata?

Dimostrazione del test della punta delle dita

Credits

Per il test della punta delle dita, l’allieva deve mettere le braccia sui fianchi e se i pantaloni sono sopra la punta delle dita, allora è troppo corto. Demetra l’ha fatto e la sua era appena sopra.

La verità finalmente viene fuori

Credits

Alla fine, il direttore ha ammesso che il vero motivo per cui Demetra è stata additata è stato per i ragazzi della sua classe. Nel tentativo di elaborare ciò che il direttore aveva appena detto, Tony gli chiese di ripetere le sue parole. Non riusciva a credere alle sue orecchie.

Pentimento

Credits

Il direttore si è subito pentito di aver detto quello che aveva detto. Tony finalmente sapeva la verità e non l’avrebbe presa alla leggera. Il problema non era che Demetra era vestita in modo immodesto, ma che era vista come una distrazione per i ragazzi della sua classe.

Incapace di credere alle sue orecchie

Credits

Tony non riusciva a credere che il preside della scuola avesse il coraggio di dirgli queste cose seduto proprio davanti a lui. Tony non riusciva a credere a quello che gli dicevano. L’insegnante e il preside avevano additato Demetra e ora lui aveva capito il perché. Ne aveva avuto abbastanza ed era pronto a combattere.

Mobilitare le sue risorse

Credits

Vedere la figlia così umiliata e con le lacrime, faceva capire a Tony che non poteva acconsentire a ciò che volevano questi amministratori. Quello che il preside diceva della sua bambina era del tutto inaccettabile. Tony doveva usare le sue risorse per risolvere la situazione.

La direzione rilancia

Credits

Il preside sapeva di aver detto qualcosa di sbagliato, ma si è rifiutato di tirarsi indietro. Diede loro un’ultima scelta: o Demetra si copriva le gambe con i leggings o non le sarebbe stato permesso di tornare in classe.

Discriminazione inaccettabile

Credits

Demetra ha fatto notare che il codice di abbigliamento scolastico non è stato imposto ai ragazzi e solo alle ragazze. C’è una regola del “niente cappelli in classe”, ma i ragazzi indossano sempre il cappello in classe e non si fa nulla. Non era permesso loro di indossare altri capi di abbigliamento che indossavano costantemente senza problemi.

Molti altri trasgressori

Credits

Tony cercava di non esplodere, ma diventava sempre più difficile. Osservava che nel parcheggio molti altri studenti che non seguivano le regole. Allora perché le ragazze sono state le uniche ad essere state selezionate per aver violato il codice di abbigliamento?

Regole rigide e impossibili

Credits

Come può l’amministrazione aspettarsi che le ragazze indossino i leggings in una giornata così calda? Le loro regole dovevano essere più accomodanti. Vestiti più corti e leggeri avrebbero aiutato le allieve a sentirsi a proprio agio nel caldo. Ma a causa dei ragazzi, Demetra e le sue coetanee hanno dovuto soffrire.

Un consenso diffuso

Credits

Tony ha deciso di chiedere alle amiche di Demetra cosa ne pensano delle regole del codice d’abbigliamento e di come siano state fatte rispettare. Tutte loro sentivano che era ingiusto e che il sistema era imperfetto. Le ragazze dovevano sempre sentirsi a disagio in estate perché i ragazzi erano “distratti”. In qualche modo, per la scuola aveva più senso dare priorità all’abbigliamento delle studentesse,  piuttosto che educare gli studenti a non molestare le ragazze.

Coinvolgere i media

Credits

Coinvolgere i media era il passo successivo di Tony. Egli voleva dare voce a tutti i genitori che si erano sentiti in qualche modo umiliati per il codice d’abbigliamento scolastico che puntava il dito contro le loro figlie.

La scelta dei genitori

Tony sosteneva che spettava alla famiglia decidere il tipo di abbigliamento dei figli. Anche per andare a scuola.

Un’idea

Credits

Tony ha suggerito di apportare alcune modifiche al codice di abbigliamento della scuola che potevano essere imposte dalla scuola stessa. Una di queste era che la biancheria intima non dovrebbe essere visibile. Ma stava solo grattando la superficie di un problema ancora più grande.

Scoprire un problema più grande

Credits

La maggior parte delle persone ha sostenuto Tony in questa impresa, ma la questione dell’oggettivazione delle giovani ragazze e dell’immagine del corpo stava finalmente venendo alla luce. Alcuni credevano che se ai ragazzi fosse stato permesso di indossare ciò che volevano, si sarebbe creato il caos nel sistema scolastico. Altri credevano che dettare il loro abbigliamento in base alle osservazioni degli altri fosse umiliante.

Parla la scuola

Credits

La scuola ha risposto alle accuse di Tony affermando che il codice di abbigliamento doveva stabilire dei limiti per un comportamento accettabile in seguito. L’obiettivo della scuola era quello di avere un “decoro ragionevole” tra gli studenti. Sembra che questo non sia stato l’unico caso in cui le regole del codice d’abbigliamento della scuola erano state ingiuste.

Leggi sleali

Demetra non è stata l’unica studentessa ad avere problemi con il codice di abbigliamento della scuola. Un’altra studentessa, Clare, ha vissuto una situazione simile quando la scuola l’ha ingiustamente licenziata a causa di ciò che indossava. Clare era una ragazza di 17 anni pronta per il ballo di fine anno.

Il vestito perfetto

Credits

Avendo comprato i biglietti in anticipo, Clare e il suo ragazzo non vedevano l’ora di andare al ballo di fine anno. Lei aveva trovato un vestito argentato e scintillante, che pensava fosse il vestito perfetto. La giovane coppia non pensava che qualcosa potesse rovinare la loro serata.

Il temuto test della punta delle dita

Credits

Clare si era chiaramente innamorata del vestito e poteva permetterselo, quindi pensava che fosse perfetto. Ma, avrebbe superato il temuto test della punta delle dita? Rilassò le braccia ai suoi fianchi e pregò che passasse.

  1. Il codice d’abbigliamento

Nell’invito al ballo di fine anno, si diceva che il codice di abbigliamento era semi-formale con abiti da test della punta delle dita. Clare si era accertata che il vestito soddisfasse i requisiti.

E’ l’ora del ballo di fine anno

Credits

Era la sera del ballo di fine anno e Clare era così eccitata che decise di fare il test della punta delle dita un’ultima volta, tanto per essere sicura. Questa volta non è andata bene. Ma quali erano le opzioni che aveva, visto che era già pronta?

Essere prudenti

Credits

Prima di partire, si è messa i tacchi per testare il vestito e assicurarsi che fosse conforme alle regole dell’evento. La parte inferiore del vestito era pericolosamente vicina alla punta delle dita e poteva potenzialmente salire quando avrebbe ballato.

Varcare la porta

Credits

Quando è arrivata nella chiesa metodista locale per il ballo di fine anno, è stata subito aggredita alla porta. Anche se Clare aveva controllato due volte, uno degli organizzatori la richiamò perché il vestito era troppo corto.

Le apparenze possono ingannare

Credits

Clare ha spiegato che il suo vestito la rispettava, ma che il fatto che fosse alta e con le gambe lunghe le faceva sembrare il suo vestito più corto di quanto non fosse in realtà.

Non cedere

Credits

Ann insisteva che il vestito era troppo corto, ma Clare non era pronta a cedere. Ha mostrato ad Ann come il suo vestito superasse il test della punta delle dita e Ann non ha avuto altra scelta se non quella di farla entrare.

Incoerenza

Credits

Entrando, Clare ha notato che altre ragazze avevano vestiti più corti del suo. Ma non le restava che ridere dell’incongruenza, perché era ora di godersi il ballo. Poco dopo, però, si accorse che qualcosa…

Sguardi inappropriati

Credits

Clare e le sue amiche hanno notato che c’era un numero insolito di accompagnatori rispetto agli anni precedenti e tra questi i papà che fissavano le ragazze dal balcone. Le ragazze si sentivano molto a disagio alla vista di questi papà che le fissavano.

Disagio

Credits

Comprensibilmente, le ragazze erano a disagio e abbastanza intimidite dal numero di genitori che erano lì a guardare ogni loro mossa, e si sentivano come se gli accompagnatori fossero lì a guardare le ragazze che ballavano in abiti corti e con i tacchi.

Un passo avanti

Credits

Non molto tempo dopo, Ann si precipitò verso Clare e la scortò fuori dalla pista da ballo, dicendo che alcuni papà accompagnatori si lamentavano del fatto che ballava in modo troppo provocatorio e che questo avrebbe causato ai ragazzi pensieri impuri.

Semplicemente inaccettabile

Credits

Per Clare, dire che il suo vestito ha causato pensieri impuri è stato come dire che “se la sarebbe cercata” ed è stato inaccettabile. Non dovrebbe essere responsabile dei pensieri e delle azioni degli studenti maschi e dei loro padri. Ha dovuto reagire.

Quando è troppo è troppo

Credits

Clare aveva detto alla signora Duncan che non stava ancora ballando e le sue amiche potevano confermarlo. Le aveva persino mostrato di nuovo che il suo vestito rispondeva ai requisiti, ma la signora Duncan non la ascoltava. Poi è intervenuto il fidanzato di Clare.

Lavoro di squadra

Credits

Il fidanzato di Clare era disgustato dalle accuse contro di lei. Disse che se lei veniva cacciata, doveva essere cacciato anche tutto il gruppo con cui era venuta, e che la scuola avrebbe dovuto rimborsare tutti i biglietti.

Non bastava l’accordo

Credits

Per Clare, accontentarsi di un rimborso non avrebbe compensato il trauma causato dalla serata. James chiese di parlare con la direttrice del ballo, il che fece infuriare la signora Duncan che la spinse a chiamare in aiuto un altro accompagnatore.

Trattati come criminali

Credits

Clare sognava questa notte da anni ed è stata rovinata per colpa di un sorvegliante irragionevole. Sono stati scortate fuori dal ballo di fine anno come se fossero criminali, il che l’ha fatta sentire completamente distrutta. Sapeva che l’avevano cacciata perché si era fatta notare.

Un giudizio sbagliato

Credits

Sentirsi dire che il modo in cui era vestita e ballava faceva fare agli uomini pensieri inappropriati implicava che era sua responsabilità controllare ciò che gli altri pensavano. Ha giurato di pareggiare i conti e di correggere la situazione.

Un’altra opinione

Credits

Quando l’hanno scortata fuori, Clare ha chiesto alla guardia di sicurezza cosa ne pensava del suo vestito e se pensava che avesse ballato in modo inappropriato. Rispose che non lo pensava, ma purtroppo non fu una sua decisione.

Un chiaro sostegno

Credits

Nonostante gli organizzatori abbiano accettato di rimborsare tutti, Clare è stata l’unica a riavere i suoi soldi. Era così arrabbiata che ha raccontato sul web la sua storia e ha ricevuto sostegno da donne di tutto il mondo.

Una reazione a catena

Credits

Da quella notte, molte persone arrabbiate sono accorse sulla pagina del Richmond Homeschool Prom su Facebook per condividere la loro disapprovazione per quello che è successo a Clare. La signora Duncan è stata poi intervistata da CBS news, dando una versione diversa della storia.

Un altro lato della storia

Credits

La signora Duncan ha dichiarato che anche se il vestito rispondeva ai requisiti quando Clare è arrivata, non lo era quando lei stava ballando. Ha anche detto che non ha detto nulla sui papà che guardavano Clare, perché c’era troppa gente quella sera.

Un trattamento ingiusto

Credits

Chiara ha dichiarato che molti amici le avevano detto che dopo la sua partenza c’erano stati molti balli sconci e che le coppie si baciavano anche sulla pista da ballo. Pensava che fosse ingiusto che quegli incidenti fossero stati ignorati mentre lei veniva cacciata a causa del suo vestito.

Un’opinione attenta

Credits

Un’altra studentessa che ha partecipato al ballo di fine anno ha detto che la situazione avrebbe potuto essere gestita meglio da entrambe le parti, poiché ricorda di aver visto Clare che si strusciava sulla pista da ballo. Ma Clare è rimasta fedele a ciò che ha detto e condiviso online.

Un occhio attento

Credits

Secondo la signora Duncan, i papà si lamentavano del modo in cui Clare stava ballando quando è stata cacciata. Questo significa che la guardavano e l’avevano trasformata in un bersaglio, perché la sua corporatura è più matura delle altre ragazze della sua età.

Un problema più grande

Credits

Clare rimane fedele a ciò che ha detto e spera che il suo incidente possa servire a portare un cambiamento nei requisiti del codice di abbigliamento delle scuole in tutto il paese. Ma questo porta alla luce un problema ancora più grande che i ragazzi e i genitori si trovano ad affrontare oggi.

Cosa possiamo fare?

Credits

Se le ragazze adolescenti sono limitate dalla società per quanto riguarda ciò che possono e non possono indossare, significa che vengono oggettivate sempre più giovani? E cosa possono fare i genitori per far sì che le loro figlie crescano senza essere giudicate?

Un bisogno di cambiamento

Credits

Si dà il caso che molti studenti siano in forte disaccordo con il modo in cui le cose vengono gestite. Essendo una matricola della Evanston Township High School, Emma Stein è stata accusata di aver violato il codice di abbigliamento della sua scuola. Le è stato detto che il suo vestito era troppo corto ed è stata costretta a indossare pantaloni della tuta per il resto della giornata. Ma le cose dovevano cambiare.

L’evento

Credits

Anche se non ha ricevuto alcuna punizione per aver infranto il codice di abbigliamento, la Stein si è sentita molto male per la situazione. “Ha aggiunto un livello di insicurezza a questo periodo già stressante”, ha riferito. Per questo motivo, ha deciso di fare qualcosa al riguardo.

La protesta

Credits

Emma non era l’unica studentessa che pensava che il suo codice d’abbigliamento scolastico fosse ingiusto. Nel 2016, gli studenti hanno organizzato una protesta per cambiare il codice d’abbigliamento.

Una nuova politica

Credits

Miracolosamente, l’amministrazione della Evanston Township High School ha ascoltato gli studenti e nel 2017 ha aggiornato la politica del codice di abbigliamento. Ma di cosa si trattava?

Le voci

Credits

Il preside della scuola, Marcus Campbell, ha dichiarato: “Dovevamo cercare di ottenere un nuovo codice di abbigliamento, e volevamo essere sicuri che fosse positivo per il corpo e non emarginasse gli studenti”. Per molti studenti è stato molto positivo, perché significava che erano stati ascoltati e che si stavano attuando dei cambiamenti.

Cambiamenti positivi

Credits

Il nuovo codice di abbigliamento è stato introdotto nel 2017 e sono state apportate molte modifiche. Secondo le nuove regole, sono ora consentiti canottiere, cappelli, leggings. Inoltre, la nuova politica stabiliva che gli studenti non avrebbero potuto essere emarginati in base a “razza, classe, sesso, orientamento sessuale o altri indicatori di identità”.

Un modello da seguire

Credits

I codici di abbigliamento delle scuole sono un dibattito acceso e una questione in corso da molto tempo. Per facilitare questa transizione, l’Organizzazione Nazionale per le Donne dell’Oregon ha creato una politica per tutte le scuole pubbliche di Portland, e molti altri distretti hanno adottato queste linee guida.

Una nuova visione

Credits

La presidente dell’Oregon NOW (l’Organizzazione nazionale per le donne), Lisa Frack, ha condiviso l’idea chiave di questa nuova politica: “ tutti possono vestirsi come vogliono!”

Una nuova visione

Credits

La presidente dell’Oregon NOW (l’Organizzazione nazionale per le donne), Lisa Frack, ha condiviso l’idea chiave di questa nuova politica: “ tutti possono vestirsi come vogliono!”

La giustificazione

Credits

Lisa ha spiegato il ragionamento alla base del nuovo modello: “Devi coprire le tue parti”. Ora gli studenti hanno più libertà e possono scegliere come farlo, essendo in grado di esprimersi.

Il liceo di Emma

Credits

La Evanston Township High è stata una delle prime scuole ad adottare la politica modello dell’Oregon. Dopo la massiccia protesta degli studenti, il preside della scuola Campbell ha fatto delle ricerche e ha trovato la politica di NOW. Quando il sovrintendente ha firmato la politica, è stata ufficialmente messa in atto.

Dopo la nuova politica

Credits

Più tardi, Campbell ha dichiarato: “Ricordo che l’anno scorso un ragazzino che si identificava con il latinx ha indossato un sombrero per due giorni di fila. Vederlo segnala che è un tipo diverso di scuola dove i ragazzi possono essere liberi di indossare quello che vogliono, di esprimersi, purché non glorifichi i discorsi di odio o la violenza, questo genere di cose”.

Le leggi dell’Oregon

Credits

Frack ha spiegato perché Oregon NOW ha voluto guidare i cambiamenti relativi ai codici di abbigliamento e la risposta è stata semplice: “tutti hanno diritti a vestire come vogliono e rappresentare se stessi”.

Un trend positivo

Credits

Mentre molte scuole hanno ancora una politica di abbigliamento obsoleta, la tendenza sembra andare in una direzione più aperta. Sempre più amministratori scolastici si prendono il tempo di cercare alternative eque, e il cambiamento si sta lentamente implementando nelle scuole di tutto il paese.

Il vero obiettivo

Credits

Lo scopo degli studenti che frequentano la scuola è quello di imparare, ma queste situazioni purtroppo tendono a mettere in ombra il vero scopo. Con l’attuazione di questi cambiamenti positivi, possiamo sperare che l’attenzione torni agli studenti che ricevono la migliore istruzione possibile.